Vai al contenuto

IL FORTE VENINI DI OGA

luglio 23, 2019

IMG_20190720_152355Bormio è sci, passeggiate, terme e buona cucina, ma tra un’attività e l’altra è doverosa una visita al Forte Venini di Oga, splendido esempio di recupero e restauro di una struttura di grande valore storico-militare.

I lavori di costruzione del Forte, che aveva l’obiettivo di proteggere il territorio da una possibile invasione austriaca proveniente dal valico, iniziarono nel 1911 e terminarono due anni dopo.

Il presidio, equipaggiato di potenti cannoni, fu operativo per tutta la Grande Guerra, rimase attivo durante la Seconda Guerra Mondiale e venne disarmato nel 1958.

La struttura era quasi inespugnabile, grazie alle sue mura, i reticolati esterni ed un fossato. Quest’ultimo rappresentava la difesa finale del Forte perché in caso il nemico fosse riuscito a sfondare l’ingresso qui sarebbe stato inondato di bombe a mano lanciate dalle feritoie.

IMG_20190720_155343All’interno del presidio gli ambienti di vita quotidiana si mescolano ai locali destinati alla guerra: camerate, cucina, dispensa, latrine insieme a depositi di munizioni, sala comando e cupole corazzate dove erano alloggiati i cannoni.

In tutte le stanze troverete interessanti allestimenti con foto d’epoca ed oggetti originali, tra cui munizioni, granate, maschere antigas ed il kit di primo soccorso.

Degne di nota le camerate, che prevedevano due tipologie di “letti”: tavolacci con paglia per i soldati e brande in stoffa per gli ufficiali. Tutti comunque dormivano vestiti nei sacchi a pelo, sia per combattere il freddo sia per essere pronti in caso di attacco.

Nel piano interrato si trovava la polveriera, il locale più pericoloso del Forte perché a rischio di esplosione.  Tanto che i soldati potevano accedervi solo con zoccoli di legno, per evitare possibili scintille provocate dalle suole chiodate.

 

IMG_20190720_154627Informazioni utili:

– il Forte e’ aperto tutto l’anno ma d’estate sono previste anche alcune aperture serali alle 20 alle 23. Controllate le date aggiornate sul sito www.fortedioga.it

– la distanza da Bormio e’ 15 minuti di auto, salendo dalla frazione di Santa Lucia. Considerate poi almeno un’ora di tempo per una visita approfondita.

– il Forte si trova all’interno della Riserva Naturale del Paluaccio, che e’ visitabile con un bel percorso ad anello della durata di mezzora.

– per pranzo fermatevi all’hotel-ristorante Al Forte, che si trova adiacente al posteggio. Ottima cucina, tra cui consiglio la buonissima bistecca alla pioda, e uno stupendo prato dove ci si può rilassare e far giocare i bambini.

Scoprite i migliori ristoranti in Valtellina dove mangiare i pizzoccheri.

Cristina

 

 

Lascia un commento

Lascia un Commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: