Skip to content

TRANSILVANIA: IL CASTELLO DI DRACULA

dicembre 18, 2017

IMG-20171210-WA0022La Transilvania e’ terra di monasteri, splendide montagne, paesini medievali ma soprattutto e’ universalmente conosciuta per aver ispirato la penna di Bram Stoker, creatore del mito di Dracula, il conte vampiro.

Nel libro di Stoker Dracula era raffigurato come un anziano signore vestito di nero, ma nel corso degli anni l’immagine dei vampiri ha assunto diverse forme, prendendo il fascino di Tom Cruise e Brad Pitt nel famoso film “intervista con il vampiro”, tratto dal best-seller di Anne Rice, fino alla più recente saga di Twilight, dove i vampiri vivono tra di noi, alla luce del sole, e sfruttano la loro bellezza per attirare le prede.

20171208_162430_resizedIn realtà il mito di Dracula nasce dalla figura storica di Vlad III, figlio di Vlad II Dracul, da cui deriva il nome Dracula, ossia figlio di Dracul.

Vlad era conosciuto come “l’impalatore” per la sua simpatica abitudine di impalare i nemici, cosa che gli ha attribuito fama di uomo violento e malvagio. Tuttavia Vlad e’ un personaggio controverso: mentre in Europa circolavano leggende sulla sua crudeltà, in Romania e’ sempre stato considerato un eroe nazionale ed un difensore della cristianità.

Il castello di Dracula per eccellenza e’ identificato nel Castello di Bran, situato in Transilvania sui monti Carpazi. Anche se pare che Vlad vi abbia soggiornato solo per un breve periodo, questo castello rappresenta pienamente l’immagine di come che ci si aspetta che sia la residenza di Dracula.

Il castello, arroccato su un’altura, domina il piccolo paese di Bran e vi si accede percorrendo un breve sentiero in salita. La struttura fortificata e’ imponente e cupa mentre gli interni sono accoglienti, ben arredati e rispecchiano il gusto della regina Maria di Sassonia, che ristrutturo’ il castello e ci visse con la figlia fino al 1948, anno in cui la famiglia reale rumena venne scacciata dalle forze d’occupazione comuniste.

20171208_154817_resizedIl cortile interno, con il pozzo di pietra circondato da balconate in legno e da tetti rossi disposti su vari livelli, e’ uno dei luoghi più suggestivi del castello, mentre il mito del conte-vampiro rivive nella Torre Rotonda dove troverete una piccola esposizione con pannelli che ripercorrono la storia di Vlad e del suo alter-ego Dracula, attraverso letteratura, cinema e credenze popolari.

Degno di nota e’ anche lo stretto passaggio segreto che collega il secondo ed il terzo piano del palazzo.

Se potete visitate Bran nel tardo pomeriggio, in modo da godervi questo luogo quando arriva il buio e, perché no, lasciatevi suggestionare..il castello saprà regalarvi un piccolo brivido.

 

20171208_162430_resizedCome arrivare:

Bran si raggiunge da Bucarest in 2 ore e 45 minuti di auto. Qualcosa di meno se partite direttamente dall’aeroporto perché siete già nella direzione giusta. E’ possibile andare e tornare a Bucarest in giornata abbinando anche la visita del castello di Peles, a Sinaia.

Tuttavia meglio un tour di 2 giorni con pernottamento nella bella cittadina di Brasov, in modo da godersi i castelli con più tranquillità e poter visitare il giorno successivo la stupenda fortezza di Rasnov, situata nelle vicinanze.

Consigli utili:

La visita del castello di Bran, a differenza del castello di Peles, può essere fatta in autonomia, senza guida. Tuttavia se lo si desidera e’ possibile prenotare una guida alla biglietteria.

20171208_153716_resizedNel parco del castello c’è lo splendido ristorante Casa de Ceai. Il locale si trova in quella che un tempo era la the-house della regina Maria, fatta da lei costruire nel 1920 come luogo dove accogliere gli amici ed organizzare tradizionali the pomeridiani. L’edificio e’ rimasto in stato di abbandono per molti anni, fino alla sua recente ristrutturazione, finanziata dagli eredi della regina. Vale la pena fermarsi per mangiare o solamente per gustare un the dopo la visita del castello. L’atmosfera e’ elegante e ricercata ma i prezzi sono onestissimi.

Per visitare il castello in tranquillità e scattare le foto di rito calcolate un paio d’ore di tempo.

Poco prima della biglietteria c’e’ un piccolo museo all’aperto con la ricostruzione di vecchie abitazioni tipiche rumene.

Se l’articolo è stato di tuo gradimento, clicca “mi piace”. Ci renderai felici del nostro lavoro!

Cristina

 

Annunci

From → Europa

5 commenti
  1. Stupendo! Un giorno devo andarci assolutamente,perchè è una delle ambientazioni che più ho preferito leggendo un libro!

    Mi piace

Trackbacks & Pingbacks

  1. SINAIA LA PERLA DEI CARPAZI | postinelmondo
  2. COSA VEDERE A BUCAREST | postinelmondo
  3. CITTA’ MEDIEVALI IN TRANSILVANIA: BRASOV | postinelmondo

Lascia un Commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: