Skip to content

VISITARE COPENAGHEN (STEFANIA)

novembre 10, 2014

thLa Sirenetta e non solo..quando si dice Copenaghen si pensa subito a lei, la statua della Sirenetta, dedicata alla favola scritta dal danese Hans Christian Andersen ben 177 anni fa. Beh, che dire?! Una capatina, giusto per dire “l’ho vista” è praticamente d’obbligo, soprattutto se visitate la città per la prima volta, anche se sfido a non rimanerne delusi.

Partite da Nyhavn, porto storico della città dal quale parte il famoso canale costeggiato da casette colorate risalenti al ‘600 e al ‘700, percorretelo tutto e dopo una bella passeggiata lungomare arriverete alla Sirenetta.

Già che siete nei paraggi, date le spalle alla statua e dirigetevi verso il Kastellet, un’antica fortificazione militare circondata da un fossato a forma di stella e costituita da ordinate casette rosse coi tetti spioventi. Questa ne vale davvero la pena!

Da qui potete raggiungere in pochi minuti di cammino anche Amalienborg, il Palazzo Reale di Copenaghen, residenza della famiglia reale durante il periodo invernale. L’interno è in parte visitabile, ma se passate di lì verso mezzogiorno, avrete la fortuna di assistere anche al celebre cambio della guardia.

Img_0180Altra perla da scoprire è il Castello di Rosenborg, situato al centro dei più antichi e stupendi giardini reali di Danimarca, un posto adattissimo per pic-nic e passeggiate durante le giornate primaverili. Il castello è stato la residenza della famiglia reale solo per 80 anni, dall’anno in cui venne ultimato, nel 1640, fino al 1720. La casa reale danese nel 1833 lo ha trasformato quindi in un grande museo, in cui vengono esposti dipinti, arredi, armi, abiti, porcellane risalenti ai secoli tra il 1500 e il 1900, e soprattutto è custode dei gioielli e dei tesori della Corona danese, ossia la corona, lo scettro, la spada, il globo imperiale e l’ampolla, conservati nei sotterranei del palazzo.

 

VITA DA HIPPY: CHRISTIANIA

C’è un luogo, un’antica zona militare abbandonata nel quartiere di Christianshavn, nel centro di Copenaghen, che nel 1971 è stato occupato da un gruppo di hippie e proclamata città libera, non soggetta a tasse e con una propria legislazione interna. Questa è Christiania, dove ad oggi vivono quasi 1000 anime. Il quartiere costeggia il canale che porta verso il porto, ed è accessibile ai turisti solo da due ingressi. Assolutamente vietati gli autoveicoli.

Christiania è totalmente indipendente. Ha il suo asilo, la sua panetteria, la tipografia, una stazione radio, una fabbrica di bicilette, il cinema, bar e ristoranti. Ovviamente questa zona è da sempre un’area che scatena accese discussioni, soprattutto per la questione dello spaccio delle droghe e della sicurezza. L’hashish, infatti, viene venduto tranquillamente nei chioschetti di Pusher Street (divieto di vendita, invece, di droghe pesanti), e la polizia non ha libero accesso al quartiere. Quando vai a farci visita, quindi, è importante seguire le regole scritte a chiare lettere sui cartelli all’ingresso: non correre, non urlare, non parlare al cellulare e soprattutto non fare fotografie.

 

IImg_0198L DESIGN

Siete appassionati di design? Quello danese, famoso in tutto il mondo, è un mix perfetto tra semplicità, funzionalità e materiali di altissima qualità.

Tra i paradisi del design, non si può non citare Illums Bolighus (Amagertorv 10), dove, tra gli altri, si possono trovare oggetti del nuovo design di Menu, Muuto, Normann Copenaghen, Eva Solo e Stelton. A due passi dal negozio si trovano anche altre due pilastri del design danese: Royal Copenaghen (Amagertorv 6), storico marchio di porcellane, e Georg Jensen (Amagertorv 4), brand di argenteria “made in Denmark”.

Infine, sempre per appassionati, a Copenaghen c’è uno splendido museo dedicato (Design Museum of Denmark), che racconta il progresso del design danese nel corso dei secoli.

 

LA CUCINA

Chi l’avrebbe mai detto che Copenaghen è rinomata per la sua cucina? Ebbene si, oltre a essere la sede del quattro volte premiato ristorante migliore al mondo, il Noma, si può fregiare di un totale di ben 11 stelle Michelin. La cucina danese è come il suo design: semplice e di altissima qualità, basata su ingredienti locali e di stagione.

Da non perdere uno dei piatti tipici, consumato prevalentemente durante la pausa del mezzogiorno, lo smørrebrød, il famoso “panino aperto”, composto da una fetta di pane di segale imburrato, riccamente guarnita con carne, pesce, uova sode, formaggio e verdura. Se volete gustarne di veramente unici, andate da Told&Snaps (Toldbodgade 2), ristorante tipico danese.

A parte questo, Copenaghen offre moltissime possibilità, e per tutte le tasche: dai ristoranti ultra moderni e tradizionali, al mercato del cibo di strada sull’isola Papirøen, al cibo etnico. C’è solo l’imbarazzo della scelta.

 

DIVERTIRSI A COPENAGHEN

Copenaghen è ricca di caffè e bar. Vesterbro è il quartiere più creativo ed artistico, in cui sono presenti molte discoteche. Attenzione però che è ben diverso da noi: lì le discoteche che fanno le ore piccole si contano sulla punta delle dita, perché la gente preferisce uscire in serata per mangiare e bere qualcosa.

Altro paradiso del divertimento, a soli 5 minuti a piedi dalla stazione, è il Parco Tivoli, il più antico parco di divertimenti del mondo, inaugurato da Georg Carstensen nel 1843 e ancora perfettamente in funzione, con una miriade di giostre, ristoranti di ogni genere, teatri e spazi per concerti. Il mio consiglio è quello di visitarlo di sera. Oltre a costare meno il prezzo del biglietto d’ingresso, quando si fa buio il parco diventa un luogo estremamente romantico, pieno di lucine e lumini che seguono i districarsi delle vie e i ristoranti, che ti trasporta in un mondo da favola. L’apertura è stagionale, da giugno a ottobre, e durante le feste di Halloween e Natale, dove viene addobbato a tema a regola d’arte.

 

QUALCHE NOTIZIA SUL CLIMA…

Il clima non è rigido come ci si potrebbe aspettare, questo grazie alla Corrente del Golfo. Certo è consigliabile visitare la città nel periodo che va tra aprile e ottobre, dove le giornate sono più gradevoli.

 

NOTE DOLENTI

Attenzione, come nota negativa bisogna avvertirvi che Copenaghen è tristemente conosciuta per essere una delle città più costose del mondo!

Se ti interessano le capitali del nord leggi anche l’articolo su Oslo https://postinelmondo.wordpress.com/2014/11/27/il-meglio-di-oslo-10-cose-da-visitare-stefania/

Lo sapevi che Copenaghen e’ la città più ecologica del mondo? https://postinelmondo.wordpress.com/2014/12/05/eco-turismo-copenaghen-e-la-citta-piu-ecologica-del-mondo-stefania/

STEFANIA

Annunci

From → Europa

Lascia un Commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: