Skip to content

COSA VEDERE A GERUSALEMME

giugno 11, 2013

gerusalemmeCittà Santa, Città Eterna, Città di David, metà di pellegrinaggi da tutte le parti del mondo, centro nevralgico delle tre principali religioni monoteiste, crogiolo di razze e culture diverse, capitale spirituale reclamata sia dagli israeliani che dai palestinesi: Gerusalemme è tutto questo e molto molto di più.

La ricchezza della sua storia millenaria, che intreccia riferimenti biblici ed innumerevoli dominazioni, ha lasciato in eredità a Gerusalemme un enorme patrimonio culturale. Anche se la maggior parte dei siti storici è concentrato nella Città Vecchia, una visita approfondita della città necessiterebbe almeno una settimana.
Tuttavia, dato che di solito il tempo di permanenza è limitato a 2/3 giorni, ecco una lista dei luoghi imperdibili, che bisogna visitare assolutamente per garantirsi una minima conoscenza di Gerusalemme.

quartiere armeno gerusalemme1) GIRO PER I QUATTRO QUARTIERI DELLA CITTA’ VECCHIA:
Circondato da poderose mura di pietra, il centro storico della città è suddiviso in 4 quartieri, ognuno con le sue caratteristiche distintive: cristiano, armeno, mussulmano, ebreo.
Iniziate la vostra visita partendo dalla Porta di Giaffa, situata all’estremità di Jaffa Road, la principale via pedonale di Gerusalemme. Vi troverete subito davanti alla Cittadella (torre di David), dove ha sede un interessante museo che riassume la complessa storia della città.

Alla destra della Cittadella si trova il quartiere armeno, mentre proseguendo diritti entrerete in una stradina in discesa, costeggiata da bancarelle, che segna l’inizio del quartiere cristiano.
Il quartiere armeno, pur essendo il più piccolo tra i quattro quartieri di Gerusalemme, regala atmosfere d’altri tempi ed uno straordinario spaccato di vita quotidiana, dato che la zona è ancora abitata da una piccola comunità di armeni, che mantiene una propria scuola, le proprie chiese e le proprie antiche tradizioni. Non perdetevi le straordinarie ceramiche armene, esposte in alcuni negozietti artigianali che costeggiano la Armenian Orthodox Patriarchate Road.

L’adiacente quartiere cristiano, a differenza del silenzioso quartiere armeno, si presenta come un brulicante concentrato di negozi di souvenirs e di centri d’accoglienza delle diverse confessioni cristiane. Da non perdere la via Dolorosa, ossia la via crucis. Nove stazioni sono disseminate nei dintorni di Al-Wad Road, mentre le ultime cinque si trovano all’interno della chiesa del Santo sepolcro.

Il quartiere mussulmano è caratterizzato dalla vivacità del souq al-Qattanin e dagli innumerevoli negozi di spezie e cincaglierie.

Il quartiere ebreo, in quanto distrutto e ricostruito di recente, ha un’aria più moderna e residenziale. Alcune sinagoghe sono aperte al pubblico, tuttavia nel giorno dello shabbat (il sabato) ogni attività commerciale è chiusa e l’accesso ai luoghi di culto è proibito.

santo sepolcro2) IL SANTO SEPOLCRO:
Non importa quanto siete religiosi, il Santo Sepolcro vi colpirà in ogni caso, come una frecciata. Impossibile rimanere indifferenti al suo misticismo. Qui convivono tutte le comunità cristiane del mondo (ortodossi, cattolici, copti, greci ortodossi ecc..), unite davanti alla sacralità del luogo dove venne deposto il corpo di Cristo.

muro del pianto3) IL MURO DEL PIANTO:
Il luogo più sacro degli ebrei non è altro che un muro, ultima rimanenza di ciò che stato distrutto più di 2000 anni fà: il Secondo Tempio. E’ accessibile a tutti (tranne durante lo shabbat) ma il rispetto è obbligatorio.

cupola della roccia4) IL MONTE DEL TEMPIO:
La Cupola della roccia, con il suo tetto in oro, è l’immagine più fotografata di tutta Gerusalemme. Questo è il luogo in cui si dice che Maometto sia asceso al cielo al fianco di Allah. L’enorme spianata del Monte del tempio è accessibile a tutti (tranne agli ebrei) ma dovrete accontentarvi di osservare la moschea dall’esterno, perchè l’entrata è permessa solo ai mussulmani. La spianata ha 9 porte di accesso; è possibile uscire da qualsiasi porta ma per entrare dovrete passare dall’ingresso situato tra il Muro del Pianto e la Porta del Letame, in prossimità del Davidson archeological centre.

5) ISRAEL MUSEUM:
E’ l’unica tra tutte le attrazioni citate ad essere collocata all’esterno della città vecchia. Prendete un taxi per raggiungere questo straordinario museo dove potrete vedere gli antichissimi rotoli del Mar Morto ed uno stupendo plastico all’aperto che ricostruisce Gerusalemme ai tempi di Cristo. Molto interessante è anche la parte dedicata alla religione ebraica con la ricostruzione di alcune sinagoghe ed una serie di abiti tradizionali. http://www.english.imjnet.org.il/

Altre mete da citare sono il Monte degli ulivi e la City of David, ossia i resti del primo insediamento di re David.

Come arrivare: Gerusalemme dista più o meno 50 minuti di strada da Tel Aviv e dall’aeroporto di Ben Gurion. Il modo più semplice ed economico per arrivarci è quello di prendere uno sherut taxi (taxi collettivo). All’aeroporto sono locati all’uscita, sulla destra, e garantiscono un servizio continuo, anche durante la notte e durante lo shabbat.

Cosa fare durante lo shabbat: il giorno di riposo degli ebrei inizia il venerdì’ sera e finisce al tramonto del giorno seguente. Perciò il sabato evitate il quartiere ebreo della città vecchia, dove trovereste tutto chiuso. Un’altra attrazione che serra i battenti e’ la City of David, visitabile dalla domenica al venerdi’.
Sono invece attivi anche al sabato gli utilissimi “free tour” gestiti da Sandemans, in partenza dalla porta di Jaffa alle 12 e alle 14:30. Non occorre prenotare ma basta presentarsi per tempo. Le guide sono molto ben preparate e per un paio di ore vi porteranno in giro per il centro storico, spiegandovi storia e aneddoti della città. Il tour è gratis ma una mancia è gradita.

Sicurezza: Gerusalemme e’ sicura? Per quanto riguarda la microcriminalita’ sicuramente si. Il rischio vero e’ pero’ quello di agitazioni e possibili attentati. A scopo preventivo tenetevi lontani da eventuali manifestazioni, anche se sembrano pacifiche, e mantenete un comportamento decoroso nei luoghi sacri e durante le funzioni religiose.

Se intendi visitare anche Tel Aviv, potete trovare informazioni utili su: https://postinelmondo.wordpress.com/2013/06/24/tel-aviv-e-jaffa-gaia/

CRISTINA

Annunci

From → Medio Oriente

Lascia un commento

Lascia un Commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: