Skip to content

GIRO TRA I CASTELLI DELLA LOIRA (STEFANIA)

settembre 5, 2012

A circa un paio d’ore da Parigi, nella zona compresa tra Orléans, Blois e Tours, sorge una valle dal fascino eterno, rimasto immutato nel tempo. Culla culturale di Francia, il paesaggio della Valle della Loira ti catapulta in un viaggio nel tempo tra re e regine, cavalieri e dame. Non a caso questa valle, sul quale sorgono circa 300 tra castelli, fortezze e palazzi (molti dei quali proprietà private), dal 2000 è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.    I castelli risalgono a un periodo che va dal XV al XVIII secolo, quando i sovrani di Francia scelsero, grazie anche ad un clima particolarmente mite e ad un paesaggio incantevole, questa valle per le loro residenze estive.

Elencare e descrivere tutti castelli sarebbe lunghissimo, e noioso, quindi qui di seguito troverete i tre castelli che, a mio parere, meritano il podio nella classifica dei “Migliori Castelli della Loira”.

1. TENUTA NAZIONALE di CHAMBORD, il più grande e maestoso tra tutti i castelli, che meglio incarnal’espressione artistica rinascimentale, vi sorprenderà per la sua imponenza. Voluto come residenza di campagna e riserva di caccia da Francesco I agli inizi del 1500, Chambord è, per la sua architettura, il castello di tutti gli eccessi: 156 metri di lunghezza, 56 metri di altezza, 77 scale, 282 camini e 426 stanze. Con un recinto di 32km di lunghezza e 5440ettari di parco, la tenuta costituisce inoltre, il più grande parco forestale recintato d’Europa, nel quale, tra boschi, laghetti e piccoli torrenti, trovano casa numerosi animali (tra i quali cervi, lepri e cinghiali) in libertà totale.

2. CASTELLO DI CHENONCEAU, tra i più visitati (circa 1 milione di persone l’anno), colpirà prevalentemente le anime più romantiche. Detto anche “castello delle dame”, venne donato nel 1547 da Enrico II alla sua favorita, Diana di Poitiers. Morto il re, la sua vedova Caterina de’ Medici, riprese possesso della tenuta, dal quale regnerà sul trono di Francia per gli anni successivi. Il castello sorge letteralmente sopra il fiume Cher ed è praticamente un ponte “travestito” da castello. Bellissimi i giardini a est e a ovest, nel quale fioriscono più di un centinaio d’ibischi e rose rampicanti iceberg, e il labirinto italiano, voluto da Caterina de’ Medici, costituito da 2000 piante di tasso.

3. CASTELLO DI CHEVERNY, è meno “castello” degli altri, sembra quasi più una bella villa rinascimentale, ma appena entrerete all’interno rimarrete estasiati dalla bellezza della sua collezione di arredamenti. È possibile visitare solo due piani del castello, il resto è proprietà privata e attualmente abitato dai marchesi di Vibraye.  Per gli amanti dei cani il mio consiglio è quello di andare a visitare il castello nel pomeriggio. Da marzo a settembre, infatti, si può assistere ogni giorno alle 17.00 in punto ad un originale spettacolo presso il canile del castello, quando vengono sfamati i 100 cani da caccia dell’attuale proprietario. Gli splendidi segugi, di razza “francese tricolore”, attendono trepidanti davanti a 90kg di cibo che l’addestratore schiocchi la frusta, consentendo quindi loro di spazzolare via in pochi secondi tutto ciò che si trova di fronte.        Particolarmente suggestivo, infine, è il parco all’inglese, dove spiccano magnolie, cedri giganti e sequoie.

Fuori dal podio, ma comunque degni di nota, mi sento di evidenziare il Castello Reale di Blois, che fu residenza di 7 re e 10 regine di Francia, sintesi della vita di corte nel Rinascimento, il Castello Di Amboise, con delle magnifiche terrazze affacciate sulla Loira con ampi giardini fioriti, il Castello di Clos-Lucè (a un centinaio di metri da quello di Amboise) che fu dimora di Leonardo da Vinci e il Castello di Ussé, simbolo del castello medievale per eccellenza, che ispirò Perrault per il suo più celebre racconto “La Bella Addormentata nel Bosco”.

Notizie utili:

–       I prezzi dei biglietti d’ingresso si aggirano all’incirca tra i 10-15€, comprensivi di opuscolo con la guida del castello.

–       Durante il periodo estivo molti castelli (ad esempio quello di Blois e Clos-Lucé) organizzano tutte le sere spettacoli di musica e luci, con proiezioni e diapositive storiche proiettate sulle facciate delle residenze nobiliari, che vi permetterà di tuffarvi in un’atmosfera rinascimentale.

–       Per i più arditi, è possibile organizzare il tour in bicicletta. L’intera valle, infatti, è attrezzata con decine di km di piste ciclabili che collegano un castello con l’altro.

–       Il mio consiglio per dormire è quello di fermarvi nelle centinaia di chambre d’hotes (versione francese dei più comuni B&B) che troverete lungo il percorso.

–       Le temperature in questa regione in genere raggiungono massime di 24-25° tra luglio agosto, temperature che rendono piacevoli le escursioni tra i castelli. Il mio consiglio è quello vestirsi “a cipolla” (alcune mattine di agosto, infatti, potrete scendere anche fino a 10°), e di avere sempre un impermeabile a portata di mano, le piogge, infatti, non sono per niente rare!

–       Se siete interessati, visitate il sito www.loire-chateaux.org, dove troverete tutte le informazioni che vi interessano per organizzare il vostro tour.

Perche’ non estendere il tour dei castelli della Loira con la visita della magnifica Carcassone?

STEFANIA

Annunci

From → Europa

2 commenti
  1. andrea permalink

    …ciao stefania vorrei conoscerti…

    Mi piace

Trackbacks & Pingbacks

  1. IDEE VIAGGIO PER L’ESTATE 2016 | postinelmondo

Lascia un Commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: