Skip to content

TAILANDIA IN ESTATE (SILVIA)

luglio 4, 2012

Per molti luoghi della Thailandia, i mesi estivi non sono i migliori per viaggiare a causa della famosa stagione delle piogge, ma è possibile comunque trovare delle location riparate che in estate offrono il loro massimo splendore. Programmare una vacanza in Thailandia è molto semplice per via dell’ottima organizzazione dei mezzi di trasporto e l’apertura al turismo, la gentilezza degli abitanti da cui ha origine il nome ”il paese del sorriso”. L’altra faccia della medaglia è, come in molti paesi dove il turismo è diventata una risorsa insostituibile, considerare il turista come un portafoglio ambulante, che va spennato.

Viaggiando da soli, quindi, si può ipotizzare un tour culturale/naturalistico e una sosta al mare, in base a quanto tempo si ha a disposizione e considerando almeno due settimane se si vogliono fare entrambe le cose (il viaggio aereo dura almeno 14 ore e ci vogliono almeno 2/3 giorni per smaltire il fuso).

L’aereoporto di arrivo è Bangkok, bellissima e variopinta capitale, dove si può sostare per alcuni giorni, da 2 a 4. Consiglio di alloggiare nella pittoresca Kaosan Road, ritrovo multietnico di tutti i turisti che passano o si soffermano nella capitale, piccola ma ricca di alberghi, ostelli, bar dove ristorarsi dopo un viaggio così lungo. Un albergo molto carino è il Buddy Lodge, di struttura coloniale e piscina sul tetto (25 euro a notte). A Bangkok il tempo in estate è molto afoso e umido, non piove moltissimo ma il caldo, unito al caos e allo smog, può essere elevato. E’ piacevole quindi girare sostando ogni tanto all’ombra di qualche tempio o usufruendo dei numerosissimi centri di massaggio tailandese, un’istituzione in tutto il Paese. Il massaggio tailandese è una vera e propria tecnica di manipolazione che si fonda su un sistema simile a quello della medicina cinese e dei meridiani. Può essere a tutto il corpo, ai piedi (footh massage) o alla faccia (face massage) e ha un prezzo irrisorio, da 4 euro di Bangkok, ai 2 euro del nord, ai 5/6 euro sulle spiagge per un’ora. Esperienza da provare assolutamente e molto rilassante.

Affascinante in città è il giro sui canali, prendendo una barchetta con conducente (simile alle nostre gondole) oppure il battello che fa fermate. Con il giro individuale si può girare tra i canali e avere scorci della vita sull’acqua, dove gli abitanti vivono all’interno di palafitte ai bordi del canale, e usano le acque per lavarsi, fare da mangiare e rinfrescarsi dalla calura estiva. Non mancano i venditori ambulanti che ti avvicinano via acqua.

Dei templi più famosi è da ricordare il Wat Poo, dove è conservato il budda d’oro disteso, lungo 43 metri e alto 15, impressionante da vedere; all’interno del tempio è presente una rinomata scuola di massaggio tailandese. Altra cosa da vedere sono il Palazzo Reale, il quartiere cinese, con i suoi polli appesi e dove si mangia benissimo a prezzi irrisori, e la down town, dove la modernità e l’efficentissimo skyline (metropolitana sopraelevata), permettono di addentrarsi da un centro commerciale all’altro in cerca di marche a prezzi scontati e tecnologia.

Da Bangkok è possibile dirigersi al nord via aereo direttamente a Chang Mai, ma avendo tempo è simpatico muoversi via autobus, sostando in varie località meritevoli di essere visionate. Prima tappa, molto vicina alla capitale, è Ayutthaya, ricca di templi e stupa  (tipico cono a campana di origine cingalese) e adagiata in mezzo alla confluenza di tre fiume. In una giornata è possibile visitare il complesso delle rovine dei templi e dei palazzi dell’antico regno Kmer, di cui era capitale molto prima di Bangkok. Girovagando tra gli stupa è da segnalare un budda inciso nel tronco di un albero e incontrare elefanti che vengono offerti per un tipico giro turistico.

Dopo circa 6 ore da Ayutthaya, si giunge a Sukothai, altra antica capitale con un complesso archeologico ancora più grande del precedente, a 12 km dalla città moderna. Si può raggiungere il parco storico con i tipici tuc tuc e alloggiare proprio li davanti, dove gli hostal affittano biciclette per muoversi data la vastità del parco. Il parco, attraversato da canali, è pieno di orchidee, stupa e budda di grande bellezza. Alla sera, in particolari giorni della settimana, è possibile assistere ad un meraviglioso spettacolo all’interno del parco, di luci, suoni dove attori in costume raccontano la storia delle lotte tra le tribù Kmer e Lan per il controllo dell’impero del Siam.

Da Sukothai ci si dirige ancora più a nord verso Chang Mai, città molto popolosa, nel montuoso nord della Thailandia. A Chang Mai si trovano moltissimi templi, dei quali il più rinomato è il Doi Suthep, meta di pellegrinaggio a 15 km dalla città e adagiato su una collina raggiungibile salendo 309 scalini. Per arrivare al tempio è consigliabile noleggiare un motorino. In città sono presenti inoltre moltissimi templi e mercatini molto pittoreschi dove si trovano tantissime cose a poco prezzo. Il Sunday Market è il mercato della domenica e raccoglie mercanti da tutte le province del nord che offrono le loro particolari mercanzie, mentre il mercato notturno è aperto ogni sera.

Il tempo al nord è peggiore rispetto alle altre cittadine, e spesso acquazzoni improvvisi e incessanti rendono le strade impraticabili.

Sia a Chang Mai che a Bangkok è possibile inoltre fare un corso di cucina per imparare a preparare squisitissime ricette thai.

Risalendo ancora più a nord si arriva a Chang Rai, cittadina molto più piccola e meno interessante, ma che rappresenta una base di partenza per i trekking nei boschi dove è possibile visitare antiche tribù (molto spesso ripristinate per il turista), oppure raggiungere il Triangolo D’oro, punto nodale di confluenza di 3 stati: Thailandia, Laos e Birmania, separati dal mitico fiume Mekong. E’ possibile entrare per una breve visita in ognuno dei 2 stati. Il confine è un punto interessante per lo smercio di pietre preziose e pietre dure, visionabili nelle fabbriche in loco o nei numerosi negozietti sulla strada.

Per prendere l’aereo e dirigersi al sud, bisogna tornare a Chiang Mai, dove, con un rapido volo di 1 ora si giunge a Ko Samui, isola principale dell’arcipelago posto all’interno del Golfo del Siam, non toccato dalle piogge. Ko Samui è un’isola molto grande e molto turistica dove si possono trovare molte sistemazioni, spiagge, centri commerciali. Il posto più turistico è Chaweng, con tantissimi hotel lungo la spiaggia, locali notturni e negozi.

Per chi ama la tranquillità consiglio Ko pangan o Ko tao, la più selvaggia delle tre.

Ko pangan è composta da tantissime calette e poche strade che l’attraversano per raggiungerle. Dal porto ci si muove con i tuc tuc e ci si avvia per la spiaggia, sulla quale, riparati dalle palme, sorgono semplici strutture bungalow e qualche resort più elaborato. Consiglio vivamente la spiaggia di Haad Salad, dalle acque cristalline, soprattutto al mattino quando sale l’alta marea. Sulla spiaggia sono poche le strutture, qualche complesso di Bungalow, dai prezzi più convenienti a prezzi più elevati a seconda del tipo più spartano o più confortevole. I ristorantini offrono pesce fresco e ottimo cibo tailandese (consiglio il Coral Beach per ottimo rapporto qualità prezzo) seduti sulle verande sui tipici divanetti tailandesi ripiegabili a cuneo. E’ possibile noleggiare kayak per esplorare l’isola o partecipare ad una gita in long tail (tipica barca affusolata) per circumnavigare l’isola e ammirare le bellissime spiagge e le cascate del Re.

La notte le luci si spengono presto su questa spiaggia, e alle 23 è possibile andare a dormire per svegliarsi al mattino presto seguendo il ritmo del sole. Per un po’ di vita notturna l’unica spiaggia è Haad Rin, dalla parte opposta rispetto ad Haad Salad, punta estrema dell’isola non lontana dal porto. Qui, oltre a tanti localini sulla spiaggia, si svolgono le feste della luna: il famoso full moon party o halph moon party, dove si balla sulla spiaggia tutta la notte e vengono venduti secchielli di alcool per cubra libre fai da te.

Se gli interessi sono altri, è possibile frequentare corsi di yoga e tantra alla vicina spiaggia di Haad Chao, raggiungibile facilmente con un motorino noleggiato, dove si trova l’organizzatissimo centro Agama yoga, presente qui e in altre parti del mondo. Studenti da tutte le parti del pianeta si trovano qui per diventare maestri yoga o lavorare sulla propria spiritualità.

Da ko samui o ko pan gan partono escursioni verso ko tao, dove è possibile fare snorkelling e sostare su calette isolate, oppure navigare verso l’ang thong national park, riserva naturale composta ta tantissimi isolotti verdeggianti che spuntano dal mare. Zigzagando tra le isole, ci si ferma a visitarne alcune, incontaminate e dalle acque trasparenti. Proprio in una di questa è possibile inerpicarsi sulle rocce fino ad ammirare dall’alto un lago interno divenuto famoso per essere stato il set del noto film The Beach (dove Leonardo Di Caprio e i suoi amici si lanciano nell’acqua). Proseguendo la salita il panorama è mozzafiato sulle tantissime isole che compongono l’arcipelago.

Prezzi: Il viaggio in Tailandia è uno dei più economici che si possa fare, se escludiamo il volo. Gli alloggi partono da prezzi veramente bassi (sia al nord che sull’isola è possibile dormire con 15 euro in camera doppia in graziosissimi hostal o bungalow affacciati sul mare, un po’ più care Bangkok e Chang Mai, città più popolate e turistiche), gli autobus costano veramente poco, per gli aerei interni, se prenotati prima, si possono trovare tratte a 50 euro, mentre per mangiare si spende di più sulle isole che nelle città (6 euro rispetto ai 2 euro per due piatti per due persone), pochissimo al nord e fino a qualche centesimo dalle bancarelle sulla strada a Bangkok, dove si assaggia ottimo pad thai, tipico piatto noodle.

La thailandia, terra del sorriso, cibo squisito, bellissime spiagge, rilassanti massaggi, merita sicuramente una visita in ogni periodo dell’anno.

SILVIA

Annunci

From → Asia

4 commenti
  1. Per dormire a Chang Mai consiglio l’hotel D2 situato vicinissimo alla parte più bella del mercato notturno e segnalato nel 2009 tra i migliori hotel dell’asia. Prezzi da 72 euro a notte per camera doppia

    Mi piace

  2. I really like your blog.. very nice colors & theme.

    Did you create this website yourself or did you hire someone to do it for you?

    Plz respond as I’m looking to construct my own blog and would like to know where u got this from. many thanks

    Mi piace

Trackbacks & Pingbacks

  1. LE NAZIONI PIU’ ECONOMICHE DEL MONDO: DOVE TRATTARSI BENE CON POCHI SOLDI | postinelmondo

Lascia un Commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: