Skip to content

VACANZA A MARRAKECH (GAIA)

aprile 10, 2012

Marrakech è un affascinante, profumato e colorato mix di culture. La città è tra le più conosciute del Marocco, e del Nord Africa in generale, e intreccia fascino berbero e modernità. 

Una curiosità: se atterrando all’aeroporto internazionale doveste avere un “dejà vu”…potrebbe essere perché il nuovo moderno edificio, magnificamente ricamato nel cemento, è stato scelto per rappresentare l’aeroporto di Abu Dhabi nel primo film di “Sex & the City” ed è molto ben visibile in diverse scene (nonché scenografico…). Stessa sorte, anche per il souk (mercati) nella Medina (città vecchia).

Marrakech si può concettualmente dividere in 3 diverse aree: l’antica città murata (la Medina); la città nuova (Ville Nouvelle), dove si trova la vita notturna più trendy; e un’ampia area di Giardini ed il Palmeto, sedi di hotel, residenze private e campi da golf. Indubbiamente, la parte più affascinate della città è la Medina, la città rossa.

Per dormire, scegliete un “Riad” nella cerchia delle mura: si tratta di piccoli hotel, ricavati da residenze tradizionali ristrutturate, che offrono freschi e curatissimi patii, spettacolari terrazze sul tetto dove fare colazione e spesso anche un piccolo hammam. Esistono centinaia di Riad nella Medina, dai più semplici ai più lussuosi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Possibilmente, alloggiate nell’area sud della città, più tranquilla. Ottimo rapporto qualità/prezzo (e memorabili tajine) ad esempio al Riad Dar Mimouna, http://www.riadmimouna.com.

Nella zona Sud della Medina si trovano i più importanti monumenti ed edifici storci: non perdetevi le raffinate decorazioni del Palazzo Bahia e le tombe della dinastia Saadian (praticamente nascoste negli anfratti della città, abbandonate fino al 1917 e in seguito riscoperte dall’aviazione francese; si accede da un stretto corridoio tra alte mura). Il palazzo El Badi, chiamato in passato “l’incomparabile” è oggi solo un insieme di rovine: le enormi dimensioni e la maestosità delle mura superstiti rendono però l’idea dell’impatto che questo palazzo dovesse avere sui visitatori. Dalle mura, abitate da numerose cicogne, si gode una bellissima vista sull’intera città. Subito fuori da El Badi, di fronte al Palazzo Reale, ammirate le botteghe dei fabbri nella deliziosa “Place des Ferblantiers”, dove si trovano anche piacevoli ristoranti e bar.  

Centro della Medina è la famosa Koutoubia, la moschea simbolo della città e il cui minareto è considerato perfetto, per proporzioni e decorazioni. A due passi dalla Koutoubia si apre l’ampia piazza Jemaa el Fna, vero cuore pulsante della città. Circondata da diversi bar e ristoranti, la piazza si anima al tramonto e si trasforma in un brulicante insieme di vita e meraviglie: in Jemaa el Fna potete ascoltare musica tradizionale, mangiare ottimi spiedini cotti su enormi griglie, acquistare frutta secca e spremute d’arancia fatte al momento, potete farvi decorare con l’henné o leggere il destino nella mano, potete ammirare gli strumenti del mestiere di guaritori tradizionali e fare la conoscenza di scimmie, serpenti e galli da combattimento!

Per lo shopping, perdetevi nelle strade a nord di Jamaa el Fna e nei diversi souks dell’area Nord della Medina: non siate timidi, parlate, chiedete e se qualche oggetto vi interessa…contrattate!

Nel souk si possono incontrare persone disposte a farvi da guida nei labirinti di stradine e nelle concerie nella parte nord della città. Non si tratta chiaramente di guide legali o ufficiali e a voi scegliere se sia il caso o no dar loro retta. La vista alle concerie tradizionali è sicuramente interessante, ma piuttosto “forte”: l’odore del guano di piccione, utilizzato nel processo di concia, è veramente fortissimo; in genere i turisti vengono dotati in loco di mazzetti di menta da tenere davanti al naso per attenuare l’effetto-nausea. Dopo la visita, la guida della conceria vi accompagnerà quasi sicuramente in un negozio vicino per coccolarvi con ottimo thè alla menta e per proporvi l’acquisto dei prodotti realizzati dagli artigiani locali: potrete trovare capi in pelle, ceramiche, lanterne e tappeti adatti a tutti i gusti.

Consiglio di uscire dalla Medina per visitare i giardini Majorelle, a nord ovest della città vecchia. Questo giardino botanico, che è stato di proprietà di Yves Saint Laurent, offre un’oasi di pace e tranquillità, grazie ai numerosi laghetti e ad un’incredibile varietà di fiori e piante. Nel mezzo del parco sorge lo studio-residenza dello stilista, dipinta di un abbagliante blu cobalto, che ospita anche una collezione di arte africana.

Un capitolo a parte meriterebbe il cibo: speziato, esotico e delizioso! La cucina locale è veramente ricca: fatevi tentare dal cous cous di verdure, dal tajine di pollo con olive e limoni e da quello di montone con prugne, assaggiate la pastilla (una sorta di torta salata ripiena di…piccione…chissà…)  e i deliziosi dolci al miele. E non dimenticatevi di chiudere ogni pasto e sosta con un delizioso bicchiere di thè alla menta!

Annunci

From → Medio Oriente

2 commenti
  1. silvalo permalink

    tajine di pollo squisito!!!!

    Mi piace

Trackbacks & Pingbacks

  1. LE MIGLIORI METE PER UN INVERNO AL MARE | postinelmondo

Lascia un Commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: