Skip to content

BUDAPEST IN UN WEEK END

aprile 4, 2012

Budapest, situata nel mezzo dell’Europa centrale, ha molto da offrire al visitatore: eleganza asburgica, bagni termali, pasticcerie in stile viennese ed interessanti monumenti. La città è divisa in due parti, Buda e Pest, dal fiume Danubio, che forse non sarà più blu come un tempo ma conserva comunque un certo fascino.

Se volete essere comodi scegliete di pernottare a Pest centro, in questo modo potrete raggiungere a piedi tutte le principali attrazioni della capitale.  Partendo da Pest iniziate la visita della città percorrendo la famosa via Vaci, costellata dai più bei negozi di Budapest e da palazzi storici, fino ad arrivare in piazza Vorosmarty dove è d’obbligo una sosta presso la pasticceria Gerbeaud, con i suoi ottimi dolci e gli interni riccamente decorati.

Da qui potete dirigervi verso la riva del Danubio, da dove partono i battelli per le gite sul fiume. Le gite hanno diversa durata e molte includono l’isola Margit (ossia isola Margherita), dove si trova un vasto parco fiorito. Se farete la gita sul Danubio sicuramente potrete ammirare l’enorme edificio del Parlamento passandoci davanti ma se preferite potete anche raggiungerlo a piedi percorrendo la riva del fiume. Con le sue 691 stanze ed una larghezza di 268 metri, il Parlamento è veramente un palazzo impressionante ed è visitabile anche internamente tramite visite guidate della durata di 45 minuti. La sala della capula e la camera dei deputati sono interessanti però, se non avete molto tempo, a mio parere potete evitare la visita interna. Tanto il parlamento offre il meglio di sè visto dal fiume o da lontano, come per esempio dalla collina di Buda.

Sempre a Pest una zona interessante da visitare è il quartiere ebraico. Qui si trovano la Grande Sinagoga ed il Memoriale dell’Olocausto, ma il fascino del quartiere vive negli scorci affascinanti e nei molti negozi tipici.  Da non perdere è la possibilità di mangiare in un tipico ristorante kosher, tra cui segnalo Hanna Etterem www.koserhanna.hu , che si trova nel cortile della sinagoga ortodossa. Attenzione però a non andarci di venerdì sera! Se non siete del posto non riuscirete a cenare perchè le regole ebraiche non consentono ai ristoratori di accettare denaro la notte del venerdì. Almeno così ci è stato detto.

Esaurite le maggiori attrattive di Pest potrete dedicarvi alla visita di Buda, sull’altra riva del Danubio. Attraversate il fiume sul ponte delle Catene, sorvegliato da due grandi leoni in pietra, e risalite la collina fino al Palazzo Reale. Il palazzo originale è stato distrutto nel 1945 perciò quello che vedrete è il risultato di un’accurata ricostruzione. Interessanti sono la fontana di Matyas, la porta del Leoni e la statua del principe Eugenio di Savoia.  Inoltre il complesso del Castello ospita la Galleria Nazionale Ungherese, il Museo storico di Budapest e la Biblioteca Nazionale.

Dal Palazzo Reale potete poi iniziare il tour della bellissima Città Vecchia, che racchiude il meglio di Budapest: la chiesa di Matyas, una delle chiese più belle che abbia mai visto, ed il Bastione dei Pescatori, da cui godere di una meravigliosa vista sulla città. Non mancate di attraversate la via dei Signori e di fare una visita al Labirinto del Castello www.labirintus.com .

Il labirinto comprende 1200 metri di grotte, sotterranei, prigioni e fonti d’acqua che scorrono sotto il monte.  Adesso nel labirinto si trovano copie di pitture rupestri e sculture, ma un tempo è stato usato come base segreta militare. Dalle 18 potete avventurarvi nel labirinto al buio, armati solo di lampade ad olio.

Una visita superficiale della città richiede almeno due giorni, ma sarebbe un peccato non aggiungere una terza giornata da dedicare ai bagni termali, che a Budapest sono  un must.

Il più famoso è sicuramente il bagno Gellert, situato nell’omonimo hotel. Effettivamente i bagni Gellert, in stile art nouveau meritano una visita, ma se preferite qualcosa di meno turistico la mia scelta cade sui Bagni Szechenyi, che vantano il titolo di bagni termali più grandi d’Europa. Le acque particolarmente calde rendono possibile il bagno nelle due piscine scoperte anche in primavera e autunno. Io personalmente l’ho fatto ad aprile in tutta tranquillità.

Siti utili: www.turismoungherese.it

 

CRISTINA

Annunci

From → Europa

One Comment
  1. silvalo permalink

    bello, mi ispira

    Mi piace

Lascia un Commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: