Skip to content

WEEK END A SIVIGLIA

novembre 11, 2011

sivigliaSiviglia, considerata una delle città più belle della Spagna, è una buona meta per un week-end autunnale/primaverile in quanto il suo clima caldo regala temperature migliori di quelle che si trovano in Italia e permette, anche a novembre, di cenare all’aperto approffittando degli innumerevoli tapas bar; per contro durante l’estate le temperature possono essere veramente soffocanti, arrivando a 40/45 gradi.

La visita delle principali attrazioni della città richiede  due giorni pieni, perciò arrivando il venerdì mattina e ripartendo la domenica sera si è sicuri di avere il tempo di  visitare quanto meno i monumenti più importanti. Inoltre tutte le maggiori attrazioni si concentrano nel Barrio di Santa Cruz o nelle sue immediate vicinanze, perciò scegliendo un hotel in centro storico si può girare a piedi e limitare i tempi degli spostamenti.

La prima visita dedicatela al Real Alcazar (palazzo reale)

Più volte modificato nel corso degli anni, il Real Alcazar (prezzo d’ingresso 8,5 euro) è uno splendido complesso che si contraddistingue per la sua eterogeneità architettonica: principalmente in stile arabo (simile a quello della famosa Alhambra di Granada), riporta però al piano superiore tocchi asburgici, riflettendo nella sua varietà le diverse influenze vissute da Siviglia. Degna di nota la parte di palazzo costruita da Pietro il Crudele, che comprende un fantastico patio all’aperto,  il Salone degli ambasciatori, e il piccolo patio delle bambole, così chiamato perchè nelle colonne sono intarsiate delle faccie di bambola. Vale  le pena di spendere qualche euro di più per visitare anche il piano superiore del palazzo, attuale residenza del Re di Spagna quando è in visita a Siviglia, e vale altrettanto la pena di dedicare del tempo ad una passeggiata nei giardini del Palazzo, anche loro rappresentativi della varietà architettonica dell’Alcazar.

Il tour del palazzo reale può essere seguito dalla visita della Cattedrale e della Giralda(biglietto cumulativo 8 euro, con ingresso free alla stupenda Iglesia del Salvador) , in quanto a pochi metri di distanza.

La cattedrale, terza al mondo per grandezza dopo S.Pietro a Roma e St.Paul a Londra, include al suo interno il monumento funerario a Cristoforo Colombo (sempre che sia realmente seppellito a Siviglia e non a Santo Domingo..) ed un’esposizione di preziosi cimeli religiosi. Dall’interno della cattedrale è possibile iniziare la faticosa ascesa a piedi fino alla cima della torre della Giralda, simbolo di Siviglia ed ex minareto che ora funge da campanile. Dalla cima è possibile ammirare un panorama completo della città.

Sempre raggiungibile a piedi, addentrandosi nei vicoli del caratteristico quartiere di Santa Cruz, si raggiunge la Casa Pilatos (biglietto 8 euro). Si tratta di una stupenda casa privata, con giardino, favolose stanze in stile arabo e un bellissimo patio. Anche qui, come per l’Alcazar, il miscuglio architettonico è evidente: decorazioni arabe ed azulejos insieme a statue romaniche! Ma il mix è affascinante ed altrettanto interessanti sono le stanze del piano di sopra, visitabili solo con visita guidata comprando un biglietto a parte.

Dopo tante visite a pagamento, meglio dirigersi verso l’Archivio delle Indie (gratuito ed istruttivo) e proseguire poi verso l’imponente Plaza D’Espana. La vista della piazza lascia senza fiato: spettacolare, di forma semi circolare, lunga quasi 200 metri e con un canale navigabile sovrastato da piccoli pontili. Inoltre la fiancata della piazza è adornata da ceramiche che rappresentano tutte le provincie spagnole.

Siviglia è famosa per le corride ma sconsiglio la visita alla Plaza de Toros, a meno che non si abbia tempo extra a disposizione ed un particolare interesse per la corrida. Il biglietto costa 6,5 euro ed è eccessivamente caro per quello che offre: l’accesso all’arena (2 minuti) e una visita guidata al museo interno, che però non è particolarmente interessante.

FLAMENCO

Non si può lasciare Siviglia senza aver visto almeno uno spettacolo di Flamenco!  La Carboneria (Levies 18) offre un buon compromesso: tapas bar con ottima sangria e spettacoli di flamenco gratuiti

DOVE DORMIRE

Il quartiere di Santa Cruz offre moltissime soluzioni B&B a prezzi economici. Se invece fate un viaggio in coppia e preferite un hotel di charme senza spendere troppo una bella soluzione è l’hotel El Rey Moro. Locato in un palazzo del sedicesimo secolo, a pochi minuti a piedi dalla Cattedrale, El Rey Moro offre camere ognuna diversa dall’altra affacciate su un meraviglioso patio in stile andaluso.

 LINK UTILI

www.turismo.sevilla.org

 www.elreymoro.com

CRISTINA

Annunci

From → Europa

2 commenti
  1. I’m still learning from you, as I’m making my way to the top as well. I definitely enjoy reading everything that is written on your site.Keep the tips coming. I enjoyed it!

    Mi piace

  2. Thank you for the sensible critique. Me & my neighbor were just preparing to do a little research on this. We got a grab a book from our area library but I think I learned more clear from this post. I am very glad to see such magnificent info being shared freely out there.

    Mi piace

Lascia un Commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: